Torta fredda pesche yogurth e amaretti

ovvero come coccolare un gruppo di amiche riunite a cena! Sembra difficile da realizzare ma non lo è, soprattutto se si seguono i passaggi. A me personalmente è risultata un pò troppo poco dolce la mousse di pesche. La prossima volta aumenterò lo zucchero e vorrei provare con le pesche sciroppate. La versione originale è questa

Riporto intanto qui ingredienti e procedimento.

Dacquoise agli amaretti:
150g amaretti;
20 farina
80 albumi
40 zucchero
Versare amaretti e farina in un robot e frullate fino a polverizzare gli amaretti. Preparare una meringa con albumi e zucchero ben soda e aggiungere la polvere di farina e amaretti mescolando dal basso verso l’alto senza smontare. Con un sac a poche e la bocchetta 8 creare un cerchio su carta forno di circa 20 di diametro e cuocete a 180 fino a coloritura.

Dadini di pesca
150 pesca gialla
150 acqua
150 zucchero.

Preparare uno sciroppo con acqua e zucchero e cuocere i dadini di pesca fino a che non diventano traslucidi..Lasciare sgocciolare le pesche senza buttare lo sciroppo. Per questa operazione meglio usare pesca bella soda, altrimenti si spappola tutta.

Mousse alla pesca
150 di polpa di pesca
80 di sciroppo(avanzato dai dadini)
4 g di gelatina
150 di panna semimontata

Frullare la polpa di pesca con lo sciroppo, prelevare una parte, scaldarla e sciogliere dentro i fogli di gelatina (io ne ho messi 6 perchè la mia pesca era troppo acquosa e temevo non rapprendesse)Montare la panna fino a renderla semilucida, scaldare una parte di polpa, sciogliere la gelatina e aggiungere il resto della polpa di pesca. Versare a filo sulla panna, mescolando dal basso verso l’alto.

Mousse allo yogurth
350 yogurth intero
350 panna fresca
6 gelatina
40 zucchero

Ammollare la gelatina in acqua fredda, Montare la panna fino a renderla semimontata, cioè semilucida e montata ma non stabile. Scaldare una piccola parte di yogurt e sciogliere la colla di pesce aggiungere il resto dello yogurth e mescolarlo alla panna semimontata.

Montaggio della torta

E’ una torta che va montata al contrario, quindi per la buona riuscita estetica è opportuno avere in casa striscie e fogli di acetato.
1) Preparare per prima la dacquoise agli amaretti e congelatela.
2) Preparare quindi i dadini di pesca gialla.
3) Rivestire con l’apposita striscia di acetato l’interno di un cerchio per torte diametro 20 cm. Appoggiare un foglio di acetato su una placca di dimensioni adeguate, quindi appoggiatevi sopra il cerchio per torte.
4) Preparare la mousse alla pesca gialla. Versare i dadini di pesca gialla dentro al cerchio diametro 20 cm, disponendoli in maniera omogena. Quindi versare la mousse alla pesca gialla sopra ai dadini di pesca.  Lisciare la superficie della mousse dentro al cerchio e congelate Rivestire con l’apposita striscia di acetato l’interno di un cerchio per torte diametro 22 cm. Appoggiare un foglio di acetato su una placca di dimensioni adeguate, quindi appoggiatevi sopra il cerchio per torte.
5) Preparare la mousse allo yogurt e versarla nel cerchio, fino a formare uno strato di altezza di circa 1 cm. Prendere l’inserto di pesca (mousse alla pesca e dadini di pesca) dal congelatore ed appoggiarlo sopra la mousse allo yogurt, ponendolo al centro e tenendo il lato coi dadini verso l’alto (ossia girandolo sottosopra rispetto a come è stata congelato). Versate la rimanente mousse allo yogurt nel cerchio: dovete fare attenzione a farla colare lungo i bordi a lato dell’inserto di pesca (in maniera da non lasciare buchi) e dovete arrivare a circa 1 cm dall’altezza dello stampo. Appoggiate il disco di dacquoise agli amaretti sulla mousse allo yogurt, premendolo per livellarlo. Congelate.

Togliere la torta dal cerchio di acciaio, togliete la striscia di acetato dai lati, appoggiatela su un vassoio da portata (questa torta non va glassata).
Decorate i lati della torta con degli amaretti.

 Vi lascio le foto

sezione:

8 risposte a “Torta fredda pesche yogurth e amaretti”

  1. Brava!
    La dacquoise sembra uscita perfetta, idem le due mousse e l’estetica esterna.
    Se proprio dovessi cercare il pelo nell’uovo direi che i dadini di pesca li farei più piccoli (ma qui è solo questione di gusto personale, non c’è una regola) e l’inserto sembra un po’ fuori centro (qui è solo questione di esperienza). La cosa più difficile (in sezione) è fare i due strati di mousse allo yogurt (superiore ed inferiore) della stessa altezza e lì ci sei riuscita per bene.
    Continua così!

    Teo

    1. Molte grazie! credo che verrò a copiarti altre ricette! 😉

  2. semplicemente meravigliosa!

    1. e devo dire che anche buona!

  3. ci è piaciuta ASSAI grazie Cinziè

    1. grazie a te cara! alla prossima!

  4. sono arrivata qua per caso e mi sono subito innamorata di questa favolosa torta!
    davvero brava!
    a presto

    maia

    1. grazie maia per la visita e per il commento! 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.