Trancetti pesche e amaretti

I trancetti di pesche e amaretti, ennesima ricetta di L. Montersino.
La prerogativa di questo dolce è la presenza della crema frangipane che io adoro. Sarà che è a base di mandorla, sarà che l’abbinamento pesche e amaretti lo trovo spaziale.

trancetto pesche amaretti

I trancetti pesche e amaretti sono un dolce porzionabile e che “spacca” quando viene offerto.
E’ un dolce finger food ovvero con due dita. La sua preparazione è anche facile: si preparara la torta, si taglia a trancetti appunto e si porta in tavola nei pirottini singoli.

Dosi per uno stampo rettangolare 20 x 30

Per il composto frangipane:
250 gr di farina di mandorle
5 gr di mandorle amare(io non l’avevo e ho messo due gocce di essenza)
250 gr di burro
250 gr di zucchero semolato
100 gr di farina di riso (o normale farina di frumento)
250 gr di uova intere
150 gr di amaretti
Per la finitura:
500 gr di pesche sciroppate
50 gr di mandorle a filetti
125 gr di gelatina neutra a freddo (o di albicocche)

Procedimento:
Lasciare ammorbidire il burro fino a pomata nella planetaria. Azionare la macchina con la frutsta e montarlo fino ad ottenere una crema.
In una ciotola unire la farina di mandorle con lo zucchero.
Versare una cucchiaiata di composto nella ciotola mentre monta il burro, alternando con le uova fino alla fine.
Aggiungere, sempre con la macchina in funzione, la farina di riso.
Ridurre gli amaretti in granella procedendo a scatti in un cutter e inserirla all’interno del frangipane mescolando bene.
Versare il composto ottenuto su una sac à poche senza bocchetta.
Sgocciolare le pesche e tagliarlee a dadini piccoli.
Imburrare bene i bordi della teglia e ricoprire di carta forno.
Formare uno strato uniforme all’interno del quadro (2-3 cm di altezza). Livellare con una spatola; ricoprire la superficie con i dadini di pesche distribuendoli in modo fitto. Pressare leggermente con le mani distribuire sopra le mandorle a filetti senza esagerare (si devono intravedere le pesche). Cuocere in forno a 170°C per circa 40 minuti (o a 180°C per meno tempo).

trancetto pesche

Raffreddare bene e poi passaggio in congelatore.
Prima di servirlo e ancora congelato, spalmare un poco di gelatina, spatolando per livelalre.
Pareggiare bene i bordi e tagliare i mignon con un coltello ben affilato.
Inserirli dentro dei pirottini di carta e lasciarli scongelare circa 20 minuti prima di servirli.

5 risposte a “Trancetti pesche e amaretti”

  1. Molto golosi questi trancetti! Semplici e veloci 😛

  2. Ciao! Ma questa ricetta mi piace un sacco! Pesche e amaretti è un’accoppiata golosissima! 🙂 Maddalena.

    1. grazie e concordo sull’accoppiata!

  3. golosi mmmmm che voglia di primo mattino 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.